prodotti tipici toscani

 

Prodotti Tipici Toscani

riflessione sul patrimonio gastronomico Toscano

Di Prodotti Tipici Toscani  ve ne sono talmente tanti che è difficile da credere. Ho provato a fare una lista mentale e sono arrivato a circa 30 prodotti, tra questi : il pecorino toscano, il prosciutto toscano, la finocchiona, il salame toscano, i pici, il panforte di siena, il pane toscano, i cenci, i cantuccini di prato, la cipolla di Certaldo, lo zafferano di san gimignano etc. 

Quasi ogni paesello in Toscana ha un suo prodotto tipico e quindi mi son chiesto se veramente vi erano solo una trentina di prodotti tipici. Ho iniziato a trovare delle liste su internet sempre più grandi fino a quando mi sono imbattuto su Wikipedia la cui lista di prodotti tipici toscani conta ben 456 articoli e non è esaustiva !

Ho viaggiato molto per il mondo e non ho mai trovato un Paese con una tale ricchezza e varietà di cibi come l’Italia e in particolar modo la nostra Toscana.

La Toscana è sicuramente in cima alla lista delle Regioni italiane la cui arte del mangiar bene e sano è un bagaglio culturale forte. Se solo fossimo più bravi a valorizzarla questa ricchezza, a metterla in avanti facendo del marketing come i nostri « concorrenti » francesi che ne sono maestri, non avremmo rivali e potremmo essere i leader indiscussi. Stesso discorso lo potremmo fare per i vini Toscani e italiani in genere e lo stesso problema di mancanza di comunicazione e marketing dei nostri tesori eno gastronomici, puo’ essere applicato ad altre Regioni Italiane come la Sardegna ad esempio.

Ho vissuto qualche anno in Francia a Parigi. Conosco molto bene la cultura francese e il loro savoir faire. Sono molto bravi nel marketing, molto più di noi italiani. Basti pensare a come sanno illuminare i loro monumenti o come sanno redigere un Menu di un ristorante : ci mettono talmente tanta poesia che alla fine non ci si capisce niente di quello che c’è in quel piatto, ma hai veramente tanta voglia di assaggiarlo. Ci mettono dentro il territorio, la storia, lo personificano, gli danni i sapori, colori e perfino le stagioni ! Qualche esempio ?

menu francese

 

menu francese 2

Jardin d'automne.. per dire una semplice insalata !

Quenelle du 21e siècle, hommage au grand-père ... riescono a venderci il secolo 21esimo come se fosse antico !

E guardate a che prezzi riescono a venderci un "loup de ligne", ovverosia un branzino pescato in Mediterraneo.. 

Questa è magia quasi ipnotica del marketing gastronomico francese.

Noi, a differenza dei francesi, siamo più sempliciotti ed essenziali : « andiamo dritto al sodo » e evitiamo le poesie.

Non penso tuttavia che la nostra cucina, soprattutto toscana, sia adatta ad una presentazione come viene fatta in Francia, ma una via di mezzo porterebbe sicuramente dei vantaggi.

Prima di tutto occorrerebbe portare alla luce ogni singolo prodotto tipico del nostro territorio, poi adornarlo con un po di magia.

Avremmo cosi tanti benefici nel far cio’ ! basti pensare ai tour eno gastronomici che porterebbero molti turisti a scoprire paesi sconosciuti al turista medio, paesi toscani non solo con prodotti tipici, ma anche incantevoli e ricchi di storia : in poche parole belli e buoni.

I Prodotti Tipici Toscani non solo sono numerosissimi ma hanno anche l’eccezionale pregio di essere molto gustosi, semplici e soprattutto sani.  Quante opportunità per fare un marketing territoriale !

Se fossi il presidente della Regione Toscana non esiterei un solo giorno del mio mandato ad incentivare il territorio toscano con tutte le sue ricchezze artistiche, che non si limitano agli Uffizzi, ma che devono assolutamente comprendere la cultura eno gastronomica anche dei produttori e prodotti più piccoli e sconosciuti. Il turista ha sempre sete di conoscere e fame per assaporare cibi nuovi, poco importa se questi si trovano in paeselli in cima ad una montagna o in mezzo alla maremma Toscana, anzi questo puo’ essere un movente in più per esplorare.

Chi è il nuovo Turista ?

Il turista di questo nuovo millennio è sempre meno quello classico che va in una città, che si fa il giro dei musei, un paio di ristoranti tipici e se ne torna a casa. Il nuovo turista è un esploratore, è uno sportivo, uno che guarda gli episodi di survivor su National Geographic o Discovery Channel e si sente partecipe. Uno che ama la GoPro e avventurarsi. E’ un nuovo esploratore che ama il challenge e un po di rischio. Beh allora mandiamolo a scoprire tutti i nostri prodotti tipici in qualunque parte essi si trovino e magari accompagnati dagli ottimi vini toscani prodotti localmente !

Chi rappresenta in modo esemplare il nuovo turista ed è pioniere delle nuove tendenze è sicuramente il gestore del Camping Puntala Resort a Punta Ala. Non solo attraverso competizioni internazionali di vela e mtb che attirano centinaia di turisti a scoprire il territorio e i bellissimi mari della Toscana, ma anche con eventi come il Gravel Road Challenge, dove i partecipanti, in sella ad una Mountain Bike, percorrono itinerari affascinanti con tappe intermedie per degustare i prodotti tipici locali. Questo è il nuovo turista.

 

Punta Ala Gravel Road Challenge 2016 from Punta Ala Trail Center on Vimeo.

Se siete produttori di prodotti tipici toscani, fate una domanda d’iscrizione al portale i-Tuscany e speriamo di vedere presto i vostri prodotti tipici in vendita !